L'agopuntura è una tecnica millenaria nata nell'antica Cina ed è ora arte e scienza medica che da sollievo quotidiano a tantissime persone. Da più di 30 anni l'OMS (Organismo Mondiale della Sanità) ne ha riconosciuto la validità per la cura di centinaia di patologie con efficacia, in alcuni casi, anche maggiore della terapia convenzionale tanto da essere praticata anche in moltissimi ospedali italiani.Molti la conoscono per la cura del dolore ma i suoi campi d'azione spaziano a 360 sull'idea più ampia di salute umana e benessere.

 

In tutto ciò che ruota intorno alla gravidanza e al puerperio l'agopuntura trova uno dei suoi principali atout sostenuta dal fatto che questa terapia è priva di controindicazioni e di effetti collaterali. 

Di seguito verranno elencate le principali applicazioni nell'ambito ostetrico-ginecologico.

Agopuntura in gravidanza e post parto

INFERTILITA' DI COPPIA

Tema complesso e delicato, l'infertità di coppia trova spesso un valido supporto nell'agopuntura tanto da essere diventata parte integrante dei protocolli terapeutici di molti centri di Procreazione Medicalmente Assistita. Potendo lavorare sia sulla sfera psico-emotiva che su quella neuro-endocrina, l'agopuntura favorisce una corretta ovulazione, la giusta maturazione degli spermatozoi e lo sviluppo di un migliore ambiente uterino.

NAUSEA e VOMITO

L’utilizzo dell’agopuntura contro questi disturbi, in gravidanza e non, è di notevole efficacia. Che si tratti di una semplice nausea mattutina o di una forma più accentuata, con ripetuti episodi di vomito, generalmente i sintomi vengo sempre attenuati e spesso risolti.

CEFALEA

In genere, in gravidanza il mal di testa migliora spontaneamente. Esiste tuttavia un 30 % di casi in cui questo non avviene. L’agopuntura può diventare allora la soluzione ideale, perché permette di tenere a bada il disturbo senza dover ricorrere ai farmaci.

LOMBOSCIATALGIA

È un disturbo tipico della gravidanza, specialmente negli ultimi mesi.  Anche in questo caso, la metodica permette di diminuire progressivamente il dolore, evitando il ricorso ad antinfiammatori. Per rendere possibile l’applicazione degli aghi, data la fase avanzata della gravidanza, e quindi l’aumento di volume del pancione, la donna viene fatta sdraiare sul fianco

GAMBE GONFIE

Col procedere dell’attesa, l’utero che aumenta di volume tende a comprimere i vasi sanguigni della parte inferiore del corpo, creando un ristagno di sangue e di linfa e provocando disturbi quali gambe gonfie e/o emorroidi. L’agopuntura in gravidanza, ripristinando la funzionalità del sistema circolatorio, risulta efficace anche contro questi problemi.

RIVOLGIMENTO FETALE

Non si tratta di un disturbo, ma di un possibile inconveniente della gravidanza. Aiutare il bebè a compiere la “capriola” quando si trova in posizione podalica è tra le applicazioni più note dell’agopuntura in gravidanza. Il trattamento viene effettuato solitamente tra la 32esima e la 35esima settimana. Prima della seduta, è importante eseguire un controllo ecografico per accertarsi della posizione del feto.

ALLATTAMENTO

L’agopuntura dopo la gravidanza può essere infine risolutiva anche per problemi relativi alla produzione di latte. In particolare, si è visto che funziona molto bene nei casi in cui la lattazione, ben avviata in un primo momento, a un certo punto sembra bloccarsi.

 

 

Dott. Simon Grosjean

www.simongrosjean.it

Tel: +39 3494139814

E-mail: simon.grosjean@gmail.com

Artemisia società cooperativa sociale

cf. 01214400077

numero REA: AO - 76887

ABOUT

via Piccolo San Bernardo 30

11100 Aosta

  • Instagram Icona sociale
  • Facebook Social Icon